sabato 18 maggio 2019

17 maggio - Grave attacco del Prefetto di Siracusa agli operai: con una ordinanza vuole impedire le manifestazioni davanti le fabbriche...

Solidarieta' agli operai! 
L'ORDINANZA DEL PREFETTO DEVE ESSERE SUBITO RITIRATA! 

Siracusa, la Prefettura tira un freno alle manifestazioni nella zona industriale: stop ai blocchi in portineria
Mer, 15/05/2019
No ai blocchi davanti Isab, Lukoil, Sonatrach, Sasol e Versalis. L'ordinanza è a firma del Prefetto, Luigi Pizzi



Stop ai blocchi davanti le portinerie nella zona industriale. A ordinarlo è la Prefettura di Siracusa che mette un grande freno agli scioperi che spesso animano la zona industriale. Dal rispetto dei contratti, al no per i licenziamenti, e altro ancora, sono tante le richieste avanzate dai lavoratori che per far sentire la propria voce manifestano davanti la portineria dell'azienda creando tanti disagi allo svolgersi normale del lavoro, ma anche alla viabilità stradale a causa di camion che, non potendo entrare in azienda, creano lunghe code in strada. Ebbene questo sarà solo un ricordo.
No ai blocchi davanti Isab, Lukoil, Sonatrach, Sasol e Versalis.
I motivi dell'ordinanza, a firma del Prefetto, Luigi Pizzi, sono molteplici. In primis si tira in ballo la sicurezza degli impianti, che richiedono costante manutenzione. Poi secondo il Prefetto, i blocchi andrebbero a contrastare la libertà di svolgimento del lavoro per gli altri dipendenti, ed infine, andrebbero a creare problemi di ordine pubblico.

17 maggio - Studenti, lavoratori docenti e ATA, cittadini in solidarietà a Palermo alla Prof.ssa sospesa e in protesta

Contro la scuola regime!

https://palermo.repubblica.it/cronaca/2019/05/17/news/prof_sospesa_sit-in_degli_studenti_in_prefettura_i_sindacati_in_presidio_al_vittorio_emanuele-226527824/?fbclid=IwAR2v0YIE9j8iG4Wr0m6lJtKjgIQs2aSYaHbUXcap9V9pMppgAfnQgDF6mmo#gallery-slider=226528428






https://youmedia.fanpage.it/video/aa/XN8k9OSwyvAHFPN7

venerdì 17 maggio 2019

17 maggio - Sciopero della scuola... in piazza a Palermo


I lavoratori e lavoratrici Slai Cobas sc hanno aderito allo sciopero della scuola di oggi, sono scesi oggi in piazza con i lavoratori e lavoratrici del Cobas Confederazione.


PER FORTI AUMENTI SALARIALI, CONTRO LA PRECARIETA', 
CONTRO LA REGIONALIZZAZIONE, CONTRO LA SCUOLA REGIME

AL FIANCO DI LAVINIA FLAVIA CASSARO
IL SUO LICENZIAMENTO MODERNO FASCISTA DEVE ESSERE  CANCELLATO 
DIFENDERE I VALORI ANTIFASCISTI DENTRO 
E FUORI I POSTI DI LAVORO E' GIUSTO!

SOLIDALI CON LA PROF.SSA DELL'ARIA DELL'ITI V.E.III DI PALERMO
INGIUSTAMENTE SOSPESA PER AVERE RISPETTATO LA LIBERTA' DI PENSIERO E DI OPINIONE DEGLI STUDENTI
CONTRO LA SCUOLA DELLA REPRESSIONE 
DEL GOVERNO FASCIO-RAZZISTA SALVINI/LEGA/M5S

LA SCUOLA E' ANTIFASCISTA, SALVINI, SALVINI SEI IL PRIMO DELLA LISTA!








 Gli assistenti igienico personale dello slai Cobas sc  in assemblea sindacale si sono uniti allo sciopero della scuola in piazza a Palermo. Diritto al lavoro e allo studio nn si toccano... Poi hanno spostato la loro protesta al Comune.

I compagni di Proletari Comunisti sostenendo lo sciopero
hanno diffuso la locandina/volantino di contro-campagna elettorale
in vista delle Europee


giovedì 16 maggio 2019

17 maggio - Oggi in sciopero come lavoratrici e lavoratori della scuola anche al fianco di Lavinia licenziata e della Prof.ssa sospesa a Palermo ! CONTRO LA SCUOLA-REGIME!

Il licenziamento di Lavinia Flavia Cassaro deve essere cancellato, la buona scuola sono le insegnanti come lei, non chi viola i diritti di lavoratrici e lavoratori, calpesta diritti umani, incita all'odio razziale, fa carta straccia della Costituzione nata dalla Resistenza. Il fascismo è un crimine, non un'opinione.! Licenziare questo governo!




CHANGE.ORG
Sempre al fianco di Lavinia Flavia! Il licenziamento di Lavinia deve essere cancellato!

_______________________________________________


Al fianco  della Prof.ssa Rosa Maria Dell'Aria dell’istituto industriale Vittorio Emanuele III sospesa dal lavoro per 15 gg, su mandato del MIUR con i vergognosi servi del Provveditorato di Palermo, per "omissione di vigilanza" sul lavoro dei suoi alunni, che nella Giornata della memoria dello scorso 27 gennaio avevano presentato una videoproiezione nella quale si faceva un parallelo tra la promulgazione delle leggi razziali del 1938 e il decreto sicurezza del ministro Salvini.
Contro la scuola-regime che questo governo fascio-razzista ci vuole imporre, in cui i docenti per Salvini e Bussetti dovrebbero essere solo meri strumenti al servizio delle nera reazione che avanza, per irreggimentare sempre di più gli studenti di cui si vorrebbe cancellare ogni libertà di pensiero e di critica e da reprimere, mentre i veri problemi (risorse, precarietà, scuole cadenti... ) restano al palo!
RIBELLARSI E LOTTARE E' GIUSTO E NECESSARIO!
Slai Cobas per il sindacato di classe


PALERMOTODAY.IT
Il rappresentante d'istituto, Alessandro Turi, commenta quando accaduto alla professoressa Rosa Maria Dell'Aria, sospesa per due settimane dalla sua professione per non aver vigilato sul lavoro dei suoi studenti. "Non ha nessuna colpa". Della stessa idea anche il sindaco Orlando: "Clima repressivo"

mercoledì 15 maggio 2019

15 maggio - La contro/campagna elettorale dello Slai Cobas per il sindacato di classe - CN

Ma quali elezioni europee... per mandare a Strasburgo persone che guadagnano 16.000 al mese e non fanno che i propri interessi e quelli di padroni e banchieri

BOICOTTALI TUTTI!

Organizziamoci per lottare
è l’unica cosa seria da fare!

Contro i padroni italiani, europei, continuano a scaricarci la crisi che produce più sfruttamento e più morti sul lavoro, più disoccupazione e precarietà per milioni di proletari e in primis giovani e donne, miseria per tanti poveri italiani e per i tanti migranti che arrivano nel nostro paese per sfuggire a fame e guerra, e oppressione per le masse popolari in tutti i campi della vita.

Per un lavoro vero, stabile e sicuro e il salario garantito a precari e disoccupati!
Per la sicurezza e la difesa della salute sui posti di lavoro e sul territorio mettendo fine nelle fabbriche e sul territorio alle fonti inquinanti, bonificando le zone inquinate e affrontando l’emergenza ambientale e sanitaria!
Contro la mancanza di case, il caro sanità e il caro scuola! 
Per aumenti salariali, per il rientro di tutti i cassintegrati nelle fabbriche che li hanno espulsi, per condizioni di lavoro meno penose, per una riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di paga!
Per l'unità proletari italiani- proletari e poveri immigrati contro schiavismo e razzismo per la accoglienza, la solidarietà, il diritto di asilo e cittadinanza!
Lottiamo contro il governo fascio populista attuale respingendo ogni forma di fascismo, nelle istituzioni, nei quartieri, negli stadi, nelle strade lottiamo per rovesciare ogni governo dei padroni!
Contro la repressione poliziesca verso le lotte proletarie, giovanili e popolari, per la libertà di manifestazione, di sciopero e di organizzazione!
Il potere statale e il governo deve essere nelle mani dei proletari e delle masse popolari!
Slai Cobas per il sindacato di classe – coordinamento nazionale 

14 maggio - info solidale: Assolto Aldo Milani: cade la montatura giudiziaria.- una vittoria per il sindacalismo di classe e di massa- Slai Cobas per il sindacato di classe/CN

Un abbraccio solidale dello Slai Cobas per il sindacato di classe
 
coordinamento nazionale

Il Tribunale di Modena ha assolto nella giornata di oggi Aldo Milani, coordinatore nazionale del SI COBAS, dall’accusa di estorsione.
  Assolto con formula piena, “perchè il fatto non sussiste”, Aldo Milani, punto di riferimento del sindacato conflittuale e di base Si Cobas, sotto processo a Modena con l’accusa di estorsione e una pesantissima operazione mediatica, che lo aveva portato anche in carcere con l’accusa infamante di essersi intascato dei soldi in cambio di accordi sindacali. Una montatura caduta stamattina, lunedì 13 maggio, in Tribunale a Modena, dove è arrivata l’assoluzione con formula piena, nonostante la Pm Claudia Natalini avesse chiesto 2 anni e 4 mesi con l’accusa di estorsione in danno alla Alcar Uno.