venerdì 20 settembre 2019

20 settembre - FORMAZIONE OPERAIA - CONCLUDIAMO CON "SALARIO PREZZO E PROFITTO": PERCHE' E' NECESSARIA LA LOTTA PER IL SALARIO...

Oggi concludiamo questa Formazione Operaia on line su questo importante testo di Marx.
Invitiamo in particolare i lavoratori a leggerlo direttamente. Esso è essenziale per capire scientificamente la necessità di porre al centro oggi la lotta per gli aumenti del salario, così impoverito, ma non solo. Come scriveva Marx in "Passato, presente e futuro dei sindacati", la lotta di rivendicazione è una guerra di guerriglia... in cui non si lotta soltanto per una concreta questione economica... ma anche li si prepara per i momenti decisivi, futuri...".
 
Sintetizzando.
I due punti capitali che Marx contesta in questo testo “Salario prezzo e profitto” sono:
1. che il salario determina il valore delle merci
2. che, se i capitalisti pagano oggi 5 scellini invece di 4, essi domani (portato a ciò dell’aumento della domanda) venderanno le loro merci a 5 scellini invece che a 4”
La prima parte di questa confutazione è – come scrive Marx - “la risposta alle sciocchezze di Weston”, la seconda parte è “una spiegazione teorica, per quel tanto che vi si prestava l’occasione”.
La prima parte l’abbiamo affrontata nelle puntate della Formazione Operaia uscite prima della sospensione di agosto. In questa ripresa, non ci dilungheremo sulla seconda parte, e sottolineiamo oggi solo dei passaggi, per due motivi sostanzialmente:
- primo, perché è bene che gli operai, tutti i lettori della FO vadano su questo direttamente alla fonte, a Marx (i cui testi, al di là di una sorta di “pregiudizio” che c’è tra i lavoratori, sono più chiari, e in un certo senso “semplici”, di ogni loro interpretazione; perché Marx parla agli operai che vogliono pensare);
- secondo, perché vengono espressi – come scrive lo stesso Marx nella lettera a Engels del 24 giugno 1865 - “in forma straordinariamente succinta, ma relativamente popolare, con parecchio di nuovo, in anticipazione tolto dal mio libro” (Il Capitale).
Consigliamo, quindi, di andare a riprendere la FO che abbiamo fatto in passato su Il Capitale – poi raccolta nel Quaderno del 5 maggio 2018. Disponibile e che si può richiedere a pcro.red@gmail.com
Marx tratta e spiega in questa parte che:

20 settembre - Fascismo di Stato/fascismo padronale neocorporativo - attacco alle libertà sindacali, al diritto di sciopero con il testo unico sulla rappresentanza


20 settembre - dallo Slai Cobas sc Palermo: Sicilia: con un colpo di spugna si vogliono cancellare tutti gli Ass.ti ig-personale degli studenti disabili

Forte protesta ieri a Palermo degli assistenti igienico personale dello slai cobas sc all'assessorato regionale alla famiglia, occupato per alcune ore l'ingresso, accerchiata la Dirigente Generale che visti gli animi infervorati dei/e precarie e precari ha incontrato subito una delegazione dello Slai. Nuovo incontro il 25 settembre.
 Dopo più di 20 anni di servizio pensano di buttarci fuori sostituendoci illegalmente in tutta la Sicilia con i collaboratori scolastici delle scuole? Noi nn ci stiamo proprio e lotteremo!
Ma occorre mobilitarsi in tutta la regione, non è una questione di singole città!
video Allegato
Slai Cobas sc Palermo
 
Agli Assistenti igienico-personale
Regione Siciliana e Ex Province si sono riempiti spesso la bocca parlando del servizio di assistenza igienico-personale come il loro "fiore all'occhiello". Ora la Regione Siciliana si accinge a buttare di nuovo fuori dal mondo del lavoro tutti gli Assistenti igienico-personale della regione, con una rinnovata e sporca manovra tesa a sostituirli con i Collaboratori Scolastici statali delle scuole, recependo la legge nazionale 66/2017 sull'inclusione, entrata in vigore il 12 settembre 2019, dopo essere stata "corretta" questa estate dall'indegno Consiglio dei Ministri del primo governo Conte-Lega-M5S.

sabato 14 settembre 2019

15 settembre - SICILIA: con un colpo di spugna si vogliono cancellare gli Ass.ti ig-personale

da Slai Cobas sc Palermo
 
A tutti gli Assistenti ig-personale 

Regione Siciliana e Ex Province si sono riempiti spesso  la bocca parlando del  servizio di assistenza igienico-personale come il loro "fiore all'occhiello". Ora la Regione Siciliana si accinge a buttare di nuovo  fuori dal mondo del lavoro tutti gli Assistenti igienico-personale della regione, con una rinnovata e sporca manovra  tesa a sostituirli con i  Collaboratori Scolastici statali delle scuole, recependo la legge nazionale 66/2017 sull'inclusione, entrata in vigore il 12 settembre 2019, dopo essere stata "corretta" questa estate dall'indegno Consiglio dei Ministri del primo governo Conte-Lega-M5S. 
Sarà ora il secondo governo Conte che procederà con l'attuazione della Legge 66, alla quale viene data  un'interpretazione assolutamente errata e strumentale in merito alla questione dell'assistenza igienico-personale e dell'utilizzo dei collaboratori scolastici delle scuole, cui si vuole illegalmente scaricare la mansione di assistenza igienico-personale specializzata che non spetta assolutamente da CCNL scuola. La Regione Siciliana con la relazione annuale emanata dall'Ass.to alla Famiglia non ha perso neanche un minuto a recepire la norma nazionale volta a tagliare migliaia di posti di lavoro in Sicilia, per "risparmiare" risorse, a discapito degli studenti disabili.

ALTRO CHE INCENTIVARE L'OCCUPAZIONE E IL LAVORO AL SUD! ALTRO CHE "IMPEGNO FORTE SULLA DISABILITA'" sbandierato dai palazzi del potere, a cominciare dal Presidente del Consiglio Conte che ha deciso di " mantenere personalmente le deleghe sul tema della disabilità"  e che ha affermato di "averne direttamente la responsabilità politica", per non parlare della "sensibilità" del Presidente della Regione Musumeci  e via di seguito... la relazione annuale dell'Assessorato regionale alla Famiglia  cancella di fatto con un colpo di spugna tutti gli Assistenti igienico-personale specializzati della Sicilia che da anni e anni fanno questo servizio. 


14 settembre - da tarantocontro: Riprende la lotta degli asili


13 settembre - dallo Slai Cobas sc Palermo: Lettera aperta al Sindaco Orlando...Valorizzazione della Disabilità o Macelleria Sociale?

Palermo, 11/09/2019
Al Sindaco Leoluca Orlando
Sig Sindaco Orlando, nelle scuole di Palermo lei ha mandato una lettera ai DS invitandoli ad iniziare l'anno scolastico valorizzando il tema dell'inclusione e della disabilità e a mettere al centro del percorso scolastico questi temi sensibilizzando tutti, i docenti, il personale della scuola, gli studenti. Una lettera che vuole essere in linea anche con i principi sanciti dalla Costituzione ma Le chiediamo: come si fa a parlare di valorizzazione nel concreto dell'inclusione e della disabilità, garantendo tutti i diritti agli studenti disabili, quando per esempio nelle scuole superiori di Palermo e provincia, in merito proprio agli studenti disabili, si stanno di nuovo mettendo in campo lesioni gravi al diritto allo studio degli stessi?
L'Ufficio delle Politiche Sociali della Città Metropolitana di Palermo sta nuovamente mettendo in atto una politica scellerata volta a peggiorare gravemente la qualità dei servizi di assistenza agli studenti disabili, con un accanimento odioso peraltro dei Dirigenti e dei Funzionari del suddetto Ufficio nei confronti in particolare del servizio di assistenza igienico-personale, sottoposto ad una vergognosa e grave operazione di macelleria sociale. Il fatto di estendere di punto in bianco il parametro 1/5 (utente/operatori) a tutte le scuole superiori e contro ogni normativa vigente che prevede anche l' 1/4, senza tenere in nessun conto la diversa gravità delle patologie degli studenti disabili, le situazioni degli studenti che sono in carrozzina, le scuole che sono strutturate su più piani... è una scelta assolutamente irresponsabile e dettata solo da logiche di mero e grave taglio ai posti di lavoro degli Assistenti igienico-personale oltre il vergognoso non rispetto della Legge vigente sulla salute e sicurezza. Le chiediamo: come farà un solo Assistente igienico-personale ad occuparsi contemporaneamente di 5 studenti disabili gravi e gravissimi, magari anche in carrozzina, e per giunta assegnati in classi dislocate su piani diversi???