Elenco blog personale

domenica 23 luglio 2017

23 luglio - Logistica Kamila continua la lotta anche con la Tenda del Lavoro

Continua la lotta dei lavoratori Kamila dello Slai cobas sc per la difesa del posto di lavoro, contro il cambio appalto improvviso, 90 lavoratori messi fuori dopo 10 anni di anzianità nel magazzino e dal 25 maggio sospesi senza stipendio, perchè una delle due cooperative ha lasciato da un giorno all'altro l'appalto. Mentre da quel giorno è iniziata una vera e propria sostituzione con altri lavoratori non sindacalizzati e con paghe più basse, che attraverso le cooperative del consorzio Cisa vengono presi tra i disoccupati di lungo corso disposto anche ad avere una paga dimezzata, o tra lavoratori spostati da altri appalti facendo anche la doppia giornata lavorativa, per svolgere il lavoro dei 90 sospesi. Lo scopo, come è emerso da dichiarazioni degli stessi responsabili aziendali, è far fuori una realtà, lo Slai cobas sc, che stava combattendo per condizioni migliori.
Tutto questo con l'avvallo dell'appaltante Kamila che continua  così a fornire le merci alla grande distribuzione, garantendo il servizio  al padrone delle merci e cliente di maggioranza del magazzino di Brignano: il network Agorà (supermercati Tigros, Iperal, Poli, etc.), che ogni giorno, a seconda delle vendite, impone il flusso delle merci nel magazzino di Brignano, ossia quanti migliaia di colli e in quanto tempo, devono essere movimentati dai lavoratori delle cooperative.

Un sistema di appalti e subappalti fondato all'aumento dei ritmi di lavoro e lo sfruttamento dei facchini usa e getta, da cui traggono profitti: cooperative, consorzi, grandi trasportatori, gestori delle logistiche, padroni della distribuzione.

Una situazione inaccettabile e paradossale, legittimata dalla mancanza di garanzie del mantenimento del posto di lavoro in caso di cambio appalto, visto che nel contratto nazionale della logistica di cgil-cisl-uil l'art.42-42bis lascia mano libera alle cooperative che possono in qualsiasi momento abbandonare l'appalto e lasciare per strada i lavoratori, liberando anche il resto della catena della distribuzione logistica (consorzi-committenti-clienti) delle loro responsabilità di fronte a veri e prorpri licenziamenti collettivi mascherati quando il lavoro c'è e continua nel magazzino.

Lo slai cobas sc con i lavoratori ha deciso di riprendere la mobilitazione e nei giorni scorsi anche nella forma della "TENDA DEL LAVORO", per denunciare il silenzio delle istituzioni (Prefettura), degli enti preposti al controllo sui luoghi di lavoro (ASL e DTL), dei media locali che non hanno mai voluto approfondire le condizioni dentro i magazzini logistici, quando ci sono tutti gli elementi per farlo, perchè sulle loro testate ci stanno in bella evidenza gli sponsor dei grandi marchi della distribuzione....
Ma anche e principalmente del cliente Agorà che a precise responsabilità  su quanto sta avvenendo, visto che aprono nuovi supermercati eliminando gli operai che con il loro lavoro decennale hanno permesso la crescita del magazzino.

Una tenda per non lasciare in pace tutto questo sistema che prima ti spreme e ti rompe la schiena e poi ti butta via come una merce avariata

una tenda del lavoro, per cercare di unire tutti i 90 lavoratori alla lotta per la difesa del posto di lavoro, ma un lavoro dignitoso con i diritti, non a testa bassa come vorrebbero le cooperative.

una tenda per chiamare alla solidarietà gli altri lavoratori che lottano nello stesso settore della logistica e trasporti, se toccano uno, toccano tutti, perchè se passa in silenzio questo scempio siamo tutti più deboli.

Ma dobbiamo denunciare che questa solidarietà, unità dei lavoratori viene rotta anche da chi dovrebbe sostenerla. In particolare denunciamo l'Usb che si muove con la logica del 4 sindacato e che con il verbale dell'ultimo incontro segnano la loro distanza dalla lotta dei lavoratori e scelgono di fare un lavoro di fiancheggiatori delle cooperative e della loro criminalizzazione della lotta del sindacato avvallando la tesi del sabotaggio (vedi verbale e commento pubblicati nei giorni scorsi)
 

notizia Radio Onda Urto

https://drive.google.com/file/d/0B72zX_Iorz-TZTZ6X1dFcEJDTzhXWlhNbmFqSEtoa21TYS1R/view?usp=sharing


Notizia scritta il 19/07/17 alle 16:03. Ultimo aggiornamento: 19/07/17 alle: 16:03

LAVORO: 90 LICENZIAMENTI ALLA KAMILA DI BRIGNANO GERA D’ADDA PER UN CAMBIO “REPENTINO” D’APPALTO

Da sabato il sindacato Slai Cobas e i lavoratori dei magazzini della logistica Kamila di Brignano Gera d’Adda, 90 dei quali licenziati a fine maggio con il trucco del cambio d’appalto dopo 10 anni di lavoro, hanno deciso di aprire fuori dai magazzini una “Tenda permanente per il lavoro”.
Un licenziamento “repentino”,
avvenuto nel totale silenzio di istituzioni e stampa, effettuato per mezzo della sostituzione dei 90 lavoratori della Kamila con i nuovi lavoratori dell’azienda appaltatrice.
La rinuncia all’appalto è un atto unilaterale da parte dell’azienda commettente che può essere effettuato in qualsiasi momento, “è di fatto un licenziamento collettivo mascherato” come spiega ai nostri microfoni Sergio Caprini. Il cambio appalto inoltre, nel contratto collettivo nazionale della logistica, non è sottoposto a regolamentazione, e quindi utilizzabile, come in questo caso, per licenziare in tronco 90 lavoratori. 
Ai nostri microfoni, Sergio Caprini rappresentante Slai Cobas a Bergamo. Ascolta o Scarica.
http://www.radiondadurto.org/2017/07/19/lavoro-90-licenziamenti-alla-kamila-di-brignano-gera-dadda-per-un-cambio-repentino-dappalto/




Nessun commento:

Posta un commento