Elenco blog personale

mercoledì 8 luglio 2015

8 luglio - TARANTO: Lo Slai cobas sc sfida Emiliano: dalle parole ai fatti - VENERDI' I DISOCCUPATI ORGANIZZATI SARANNO PRESENTI ALLA PRIMA GIUNTA REGIONALE A TARANTO - ore 11 alla Provincia



SLAI Cobas per il sindacato di classe
Sede: Taranto v. Rintone, 22 telefax 099/4792086 – 347/5301704 – C.F. 90177580736 - e mail: slaicobasta@gmail.com

Al presidente della Regione, Michele Emiliano

Lo Slai cobas per il sindacato di classe di Taranto, a fronte della notizia stampa circa la tenuta a Taranto venerdì 10 luglio del primo consiglio regionale, chiede di intervenire allo stesso e/o un incontro, sia per la problematica dei “cantieri di cittadinanza” su Taranto, sia per la piattaforma più generale che i Disoccupati Organizzati Slai cobas di Taranto, stanno sostenendo per il LAVORO, la FORMAZIONE e il SALARIO MINIMO GARANTITO e che in sintesi riguarda:
  • un piano straordinario di assunzione di disoccupati e disoccupate, già formati o da formare con nuovi corsi di formazione, nella raccolta differenziata e nel ciclo rifiuti;
  • la previsione negli appalti pubblici, in particolare quelli legati alle bonifiche e risanamento dei quartieri di Taranto, di una clausola sociale che vincoli le ditte vincitrici ad assumere una percentuale dei lavoratori dal bacino dei disoccupati di Taranto;
  • un piano di corsi di formazione finalizzati all'occupazione in questi lavori - un percorso già sperimentato positivamente in passato nella nostra città;
  • l'istituzione di un salario minimo garantito per i disoccupati, coniugato anche alla formazione o a lavori socialmente utili. 
SUI CANTIERI DI CITTADINANZA vogliamo questa legge regionale venga subito migliorata. Come noi temevamo fin dall'inizio, questa misura non può costituire, per come è stata concepita e si tenta di realizzare, neanche una parziale e temporanea risposta alla gravissima emergenza di lavoro che c'è a Taranto di migliaia e migliaia di disoccupati,  I disoccupati sono “l'ultima ruota del carro” e, nella situazione in corso di centinaia di licenziamenti in tante realtà di Taranto, negli appalti pubblici, ecc., e della necessità di trovare soluzioni per questi lavoratori, i disoccupati, che non hanno alcun ammortizzatore sociale, rischiano ancora una volta di andare nel dimenticatoio.
Per questo chiediamo dalla Regione, un rapido intervento:
  • che i “cantieri di cittadinanza” riguardino subito una platea molto più ampia di disoccupati, nell'ordine delle centinaia;
  • che vengano tolti i criteri restrittivi – in particolare sul reddito familiare, età, titoli di studio;
  • che venga ampliato il periodo di lavoro, portandolo ad 1 anno e venga aumentata l'indennità prevista;
  • che si favoriscano quei progetti che possono avere un futuro nella nostra città, perchè legati a servizi essenziali, in particolare raccolta differenziata/ciclo rifiuti, lavori di bonifiche, risanamento quartieri.

Nessun commento:

Posta un commento