Elenco blog personale

lunedì 20 febbraio 2017

19 febbraio - Non possiamo rimanere indifferenti: E' UNA STRAGE CONTINUA



MORTI PER INFORTUNI SUL LAVORO NEL 2017
Al 18 febbraio
85 MORTI SUI LUOGHI DI LAVORO
ABRUZZO 17 L'Aquila (5), Chieti (), Pescara (11) Teramo (1). VENETO 12 Venezia (2), Belluno (), Padova (1), Rovigo (2), Treviso (1), Verona (3), Vicenza (3). LOMBARDIA 9 Milano (3), Bergamo (1), Brescia (1), Como (), Cremona (), Lecco (2), Lodi (1), Mantova (), Monza Brianza (), Pavia (), Sondrio (1), Varese (). CAMPANIA 6 Napoli (4), Avellino (), Benevento (1), Caserta (), Salerno (1). PIEMONTE 4 Torino (1), Alessandria (), Asti (), Biella (1), Cuneo (2), Novara (), Verbano-Cusio-Ossola () Vercelli () TOSCANA 5 Firenze (), Arezzo (), Grosseto (1), Livorno (2), Lucca (1), Massa Carrara (), Pisa (1), Pistoia (), Siena () Prato (). LAZIO 4 Roma (2), Viterbo () Frosinone () Latina (2) Rieti (). EMILIA ROMAGNA 3 Bologna (). Forlì-Cesena (), Ferrara (), Modena (), Parma (2), Piacenza (1), Ravenna (), Reggio Emilia (), Rimini (). SICILIA 6 Palermo (1), Agrigento (1), Caltanissetta (), Catania (), Enna (), Messina (), Ragusa (), Siracusa (1), Trapani (3). LIGURIA 2 Genova (1), Imperia (1), La Spezia (), Savona (). PUGLIA 1 Bari (), BAT (), Brindisi (1), Foggia (), Lecce () Taranto () CALABRIA 1 Catanzaro (), Cosenza (1), Crotone (), Reggio Calabria () Vibo Valentia () MARCHE 1 Ancona (), Macerata (), Fermo (), Pesaro-Urbino (1), Ascoli Piceno (). SARDEGNA 1 Cagliari (), Carbonia-Iglesias (), Medio Campidano (), Nuoro (), Ogliastra (), Olbia-Tempio (), Oristano (1), Sassari (). Sulcis inglesiente () FRIULI VENEZIA GIULIA 1 Trieste (1), Gorizia (), Pordenone (), Udine (). UMBRIA 1 Perugia (1) Terni (). BASILICATA 1 Potenza (1) Matera () TRENTINO ALTO ADIGE Trento (), Bolzano (). VALLE D’AOSTA ()
18 febbraio, Incredibile il numero di morti sul lavoro. Ne registriamo altri 6. A Rho di Milano è morto dopo 12 giorni di agonia un netturbino. A Termini Imerese di Palermo è morto un sessantatrenne cadendo da un montacarichi. Un agricoltore è morto travolto dal trattore "impazzito" in Provincia di Livorno. A Naro di Agrigento è morto un agricoltore Incagliato e strangolato nei filari della vigna. Un'altra vittima travolta da un albero in provincia di Latina. Aveva solo 33 anni. In Provincia di Livorno un operatore ecologico di un capannonne di smaltimento rifiuti di 46 anni è rimasto schiacciato con la testa da un portellone, I carabinieri stanno indagando

mercoledì 15 febbraio 2017

In questi dieci anni, unico in Italia a monitorare tutte le morti sul lavoro con l’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro, mi sono accorto della parzialità dei dati raccolti, e della mancanza di conoscenza da parte di tutti di questo fenomeno che produce oltre 1400 morti per infortunio ogni anno. Dal secondo anno di monitoraggio scrivo a tutti delle anomalie che ho riscontrato nel controllare tutte queste morti. “Repubblica” ha fatto un’inchiesta veramente ammirevole e completa su questo fenomeno e della “scomparsa” di tanti lavoratori morti mentre lavoravano. Sono diverse centinaia ogni anno che muoiono all’insaputa di tutti. Purtroppo anche dallo Stato. Ma non voglio, per un'altra volta che la Segretaria della CISL Furlan, prenda un altro pugno nello stomaco come l’ha preso quando ha appreso della scomparsa di tanti morti dalle statistiche ufficiali e alla Segretaria Camusso vorrei dire di non fare come ha fatto: d’ignorare le mail che ho spedito anche a lei e a diversi segretari della CGIL, di ignorarli per poi dire come se fosse una cosa risaputa da tutti dell’entità di queste tragedie, tantissimi della CGIL sapevano di questo, lo SPI, in cui sono iscritto, mi ha intervistato con Stefano Gallerani dove dicevo queste cose e non solo. Quindi niente “furbate” e far finta di esserne interessati dopo che ne parla la grande stampa, mentre prima mai una parola. Idem con il responsabile della Sicurezza della CGIL, che mi ha tolto l’amicizia su Facebook dopo che avevo contestato la sua condiscendenza ai “grandi tavoli”. Dove non contestava le dimensioni del fenomeno dicendo che è in calo come poi dicevano le controparti. Cosa assolutamente non vera se si prendono tutti i morti sui LUOGHI DI LAVORO (esclusi i morti sulle strade e in itinere che richiedono interventi diversi). Dal 2008 anno d’apertura dell’Osservatorio registriamo un aumento dello 0.7. Altro che cali favolosi ogni anno. Ma torniamo all’assassino il “jobs act”. Perché scrivo che è un assassino? Lo dico ai Segretaria Furlan, Camusso e Barbagallo; in questi dieci anni di monitoraggio quello che salta di più agli occhi è che a morire sui “luoghi di lavoro” al 95% sono lavoratori che non hanno l’articolo 18, solo una piccola parte, meno del 5% non sono coperti da questo articolo che tutela chi lavora anche sulla Sicurezza, per il semplice fatto che ti possono licenziare con una scusa anche se ti rifiuti di svolgere lavori pericolosi. Un altro esempio. In questo 5% morti nelle aziende che hanno l’articolo 18, molti non sono dipendenti dell’azienda stessa, ma lavoratori esterni che eseguono lavori all’interno dello stabilimento. Quasi tutti questi lavoratori sono artigiani o lavoratori di piccole aziende che non hanno la copertura dell’articolo 18. Da anni lo ripeto ai sindacati che a mio parere sono anche sadici. Ma come, vi sto dicendo che dov’è presente il Sindacato le morti sono quasi inesistenti? E cosa fanno lo ignorano invece di esaltare questo valore? Purtroppo questo sfugge alla mia comprensione, oppure sono diventati talmente istituzionali che tutto quello che viene da fuori dalle verticalcaste non esiste. Insomma un atteggiamento orwelliano. Ora non possono ignorare quello che scrivo, non può ignorarlo neppure la politica, non possono ignorarlo i parlamentari che questo jobs act l'hanno votato, che ricordo a tutti elimina di fatto l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori quello che recita che non si può licenziare senza “giusta causa e giustificato motivo”. Tutti i nuovi assunti non godono più di questo articolo che tutela anche la vita di chi lavora. Lo scopo è evidente, comprimere i salari dividere i lavoratori tra chi può scioperare e chi no (quelli col jobs act no, pena il licenziamento), perché non ha gli stessi diritti di un suo compagno assunto prima della Riforma voluta da Renzi, d’accordo con la parte più retriva degli industriali. Posso comprendere che tanti parlamentari in buona fede non hanno compreso fino in fondo le implicazioni che hanno su chi lavora l’abolizione dell’articolo 18 col Jobs act. Davvero cari parlamentari volete le distruggere conquiste fatte in un secolo di lotte? Davvero volete la distruzione di sindacati come CGIL, CISL e UIL che moriranno per mancanza di iscritti nel prossimo futuro se faranno i sindacati veri? Avete possibilità di rimediare, il Governo Gentiloni e nel pieno delle proprie funzioni. Si elimini il jobs act altrimenti nessuno caschi dalle nuvole se quello che scrivo poi si realizzerà.
Carlo soricelli curatore dell’osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro
Post scritto. Un altro lavoratore di 71 anni è morto cadendo da un tetto, oltre il 30% delle morti sul lavoro tutti gli anni ha oltre 60 anni. Non è il caso di non farne morire più e di mandarli in pensione?

Nessun commento:

Posta un commento