Elenco blog personale

martedì 10 gennaio 2017

9 gennaio - Come si è chiuso il 2016 si apre il 2017....aumento dei morti sul lavoro



Il carrello «impazzito» lo schiaccia contro il soffitto, morto elettricista
Il 49enne era stato incaricato di effettuare lavori di manutenzione presso un’azienda. È stato lui stesso ad azionare i comandi del meccanismo, che per cause da chiarire non si è arrestato e lo ha ucciso
di Francesco Gastaldi 


Il magazzino dove è avvenuta la tragedia
Il carrello elevatore che schizza verso l’alto e l’operaio che rimane lì, incastrato, con la testa schiacciata contro il soffitto. Si è consumata in pochi secondi la fine orribile di Carmelo Padellaro, morto lunedì pomeriggio nel capannone dove avrebbe dovuto effettuare dei lavori di manutenzione elettrica. Il 49enne, originario di Secugnago, nella Bassa lodigiana, abitava a Lodi, dove da tempo aveva aperto un’impresa individuale nel quartiere Albarola.
L’incidente è avvenuto intorno alle 15 a Massalengo, a circa 5 chilometri da Lodi, all’interno dell’azienda di lavorazione lamiere e pressofusione Compatech. Padellaro, incaricato dai titolari di effettuare alcuni lavori sugli impianti elettrici all’interno di un magazzino per lo stoccaggio delle marci, si trovava da solo in cima a un carrello elevatore. È stato lui stesso ad azionare i comandi per farsi sollevare fino al livello delle coperture. In un attimo, la tragedia: il muletto non si è arrestato, ma ha proseguito la corsa verso l’alto. L’elettricista è rimasto con la testa schiacciata fra il e il soffitto del magazzino. Un colpo terribile: Padellaro è morto sul colpo davanti ai dipendenti dell’impresa che, impotenti e impossibilitati ad aiutarlo, null’altro hanno potuto fare se non allertare i soccorsi e i carabinieri. Ma all’arrivo dei mezzi del 118 l’elettricista era già cadavere. Ancora poco chiare le cause della tragedia: saranno gli stessi militari, la procura di Lodi e i tecnici del servizio di prevenzione e sicurezza sul lavoro dell’Ats Città Metropolitana a verificare se l’incidente sia dovuto a un errore umano o a un malfunzionamento del carrello elevatore.
9 gennaio 2017 | 18:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA


MORTI SUL LAVORO 2017
Al 9 gennaio
7 MORTO SUI LUOGHI DI LAVORO
Nelle province di Roma, Milano, Siracusa, Genova, Vicenza, Sondrio. Lodi

Report morti sul lavoro nell’intero 2016
Nel 2016 sono morti 641 lavoratori sui luoghi di lavoro e oltre 1400 se si considerano i morti sulle strade e in itinere (stima minima per l’impossibilità di conteggiare i morti sulle strade delle partite iva individuali e dei morti in nero), e di altre innumerevoli posizioni lavorative, ricordando che solo una parte degli oltre 6 milioni di Partite Iva individuali sono assicurate all’INAIL. L’unico parametro valido per confrontare i dati dell’INAIL e di chi li utilizza per fare analisi, e dell’Osservatorio Indipendente di Bologna morti sul lavoro sono i morti per infortuni INAIL SENZA MEZZO DI TRASPORTO, e confrontare quanti ne registra in più l’Osservatorio. Si ha così il numero reale delle morti per infortuni sui LUOGHI DI LAVORO IN ITALIA e non solo degli assicurati INAIL.
Lieve calo del 3,9% delle morti sui luoghi di lavoro rispetto allo spaventoso 2015, ma un aumento dello 0.7% rispetto al 2008 anno d’apertura dell’Osservatorio Indipendente di Bologna. Come potete vedere altro che favolosi cali ogni anno, e nonostante un enorme spreco di euro spesi per la Sicurezza senza vedere risultati concreti se si prendono in considerazione tutte le morti sul lavoro e non solo gli assicurati INAIL. Come tutti gli anni è l’agricoltura a pagare un prezzo elevatissimo di sangue con il 31% di tutte le morti per infortuni sui luoghi di lavoro. E delle morti in questo settore ben il 65% sono provocate dal trattore. Una vergogna che nessuno se ne occupi se pensate che un morto su cinque di tutte le morti sui luoghi di lavoro, di tutte le categorie messe insieme sono provocate da questo mezzo. Sono anni che chiediamo ai ministri che si susseguono di occuparsene. Ma niente, sono morti sul lavoro che non esistono e spariscono dalle statistiche. La seconda categoria con più morti sui luoghi di lavoro è l’edilizia con il 19,6%. La cadute dall’alto è il maggior fattore di rischio. E’ l’autotrasporto con il 9,3% dei morti la terza categoria con più vittime. In questo comparto sono inseriti i morti di diverse categorie. Seguono L’industria, esclusa l’edilizia, comprese le imprese più piccole, che ha complessivamente l’8,2% delle morti. Poi gli artigiani di tantissime categorie muoiono numerosissimi, soprattutto nelle imprese appaltatrici, la strage riguarda anche un numero impressionante di Partite Iva che non sono inserite tra le morti sul lavoro nelle statistiche dell’INAIL. E questo perché questo Istituto dello Stato monitora solo i propri assicurati (lo scrivo per la milionesima volta, ma tanto non serve a niente). A questo istituto arrivano moltissime denunce per infortuni, anche mortali, che poi non vengono riconosciute come tali proprio per non avere questa assicurazione. NON SONO ASSICURATI ALL’INAIL, QUINDI NON ESISTONO. Poi anche per le morti in itinere spesso non vengono riconosciute per una normativa specifica, che la maggioranza di chi lavora non conosce. Gli stranieri morti sui luoghi di lavoro sono l’8,2%, un calo dell’1,6% rispetto al 2015, segno che anche più italiani svolgono lavori pericolosi e con meno sicurezza pur di avere un lavoro. Impressionante sapere che il 27,7% dei morti sul lavoro ha più di 61. Angosciante vedere che tantissimi giovani non trovano lavoro, che svolgono anziani che non hanno più la salute e i riflessi pronti per fare lavori pericolosi. Questo la dice lunga anche sui motivi dell’enorme disoccupazione giovanile; si trattengono gli anziani e si fanno morire lavorando, mentre i giovani sono costretti alla disoccupazione o a emigrare. E’ la Campania la regione con più morti sui luoghi di lavoro sempre se non si fanno giochini di prestigio e si inseriscono tutti i morti sul lavoro. Seguono la mai regione, L’Emilia Romagna che nel 2016 raddoppia i morti sui luoghi di lavoro, poi il Veneto. Quinta la Lombardia che ha un decremento importante del 27%. Occorre anche ricordare che, a nostro parere, la Lombardia è tra le grandi regioni, da quando abbiamo aperto l’Osservatorio, che ha l’andamento migliore, sempre se si considerano tutte le morti sul lavoro. Ha il doppio degli abitanti di qualsiasi altra regione e l’indice occupazionale non ha nessun valore statistico sugli infortuni, anche mortali, visto che in tantissimi dei morti per infortuni non sono assicurati all’INAIL, le statistiche vengono fatte solo tenendo in considerazione gli assicurati a questo Istituto. E’ la provincia di Napoli quella con più morti sui luoghi di lavoro, compresi tre pescatori morti in mare, la seconda in questa triste classifica è la provincia di Vicenza con 20 morti, segue Brescia con 18 morti, a seguire qui sotto ci sono le morti sui luoghi di lavoro di tutte le province italiane.





Nessun commento:

Posta un commento