Elenco blog personale

venerdì 31 marzo 2017

31 marzo - Solidarietà a Margherita Slai Cobas sc Taranto



contro la repressione da "Il pasquino" 


COLPEVOLI DI ESSERE LIBERI


Se rivendichi i tuoi diritti sei colpevole, colpevole di estorsione, estorsione di quei diritti che dovrebbero essere nostri a prescindere, oltre ogni ragionevole dubbio, oltre ogni contestazione, oltre ogni indagine di una magistratura che sta mostrando il suo volto di boia del sistema sempre più chiaramente.
Margherita Calderazzi, coordinatrice dello Slai Cobas dei disoccupati organizzati di Taranto, era alla testa di quelle proteste che ebbero il loro culmine nell’aprile/maggio del 2010. Con una tenda organizzarono, sotto il Comune di Taranto, un punto d’incontro e di autoorganizzazione per tutte quelle persone disoccupate che volevano reagire, riconquistare il proprio futuro, in poche parole ritornare ad essere liberi.
Non piaceva la tenda né al sindaco né a tutti quei benpensanti sinistrorsi che di chi non ha nulla se ne fregano alla grande, da sempre, per sempre. La tenda fu violentemente attaccata dalle forze della polizia municipale, distrutta, chi la occupava fu malmenato, alcuni ed alcune furono anche feriti.
Ma c’è chi non molla, c’è chi ritiene la libertà di parola e di protesta un bene che va ben oltre la stessa paura, le stesse minacce, le stesse manganellate. Il presidio fu nuovamente organizzato…solo chi non lotta ha già perso. Le provocazioni da parte dei vigili urbani del luogo andarono avanti, senza sosta, ma questa volta trovarono la ferma opposizione dei disoccupati organizzati dallo Slai cobas e dalla sua coordinatrice Margherita Calderazzi.
L’unica strada per chi vuole imbavagliare le lotte è colpire chi non molla, con ogni mezzo, anche il più vile, il più vigliacco. Margherita fu accusata di aver “offeso” uno dei capo dei vigili urbani del luogo, inviata immediatamente a processo, assolta in primo grado, condannata in secondo grado per oltraggio a pubblico ufficiale ad un mese di detenzione. Margherita è colpevole di essere una persona libera, che non ha paura e per questo vogliono fermarla, perché sono loro che hanno paura delle persone libere.



Nessun commento:

Posta un commento