Elenco blog personale

domenica 24 luglio 2016

24 luglio - Altro rinnovo altro commento: continua la serie fotocopia firmata da Cgil Cisl e Uil con “sollievo delle imprese”! Per la Uil è “uno dei migliori contratti fin qui firmati in riferimento agli altri settori”!



Riassumiamo e lasciamo alla lettura dell’articolo del Sole 24 Ore di ieri che riportiamo sotto e di cui sottolineiamo alcune parti:
Lavoratrici e lavoratori: 17 mila
Aziende: 900
Aumento: 79 euro, prima “rata” dal 1° gennaio 2017
Validità: 2016-2018
Contrattazione di 2° livello: rafforzata
Welfare aziendale: fondo di assistenza integrativa da luglio 2017 (8 euro al mese)
Riforma inquadramenti: nuova classificazione del personale che verrà introdotta dal 1° gennaio 2017 e che è strettamente legata all’organizzazione del lavoro

Occhiali, 79 euro in busta paga e più welfare


Nel bel mezzo del picco produttivo, per i 17mila addetti dell’occhialeria che lavorano in 900 aziende arriva un aumento di 79 euro in busta paga (riferiti al quarto livello), la cui prima tranche verrà corrisposta a gennaio del 2017. Con un certo sollievo per le imprese che quest’anno non avranno oneri dal rinnovo del contratto. È stato firmato ieri sera l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale da Anfao, l’Associazione nazionale fabbricanti articoli ottici e dai sindacati (Filctem Cgil Femca Cisl e Uiltec Uil) che sarà valido per il periodo 2016-2018.
Come dice Lorraine Berton, che guida la delegazione sindacale dell’Anfao, è “un contratto particolarmente innovativo che consente alle aziende di organizzare i propri investimenti guardando al futuro”. Contiene infatti molte novità che riguardano il welfare e la previdenza integrativa, ma anche una riforma degli inquadramenti che consentirà una nuova organizzazione del lavoro. Il presidente di Anfao, Cirillo Marcolin, parla di un nuovo modello di relazioni industriali che “si basa sulla condivisione di problemi e soluzioni concrete. Ancora una volta, il buon esito delle trattative è volto a promuovere lo sviluppo del settore e a riconoscere il ruolo degli addetti nei risultati economici delle aziende”.
Le parti hanno concordato l’introduzione di un pacchetto di welfare sanitario che estende a tutti il fondo di assistenza integrativa da luglio 2017: sono previsti ulteriori 8 euro al mese, a carico delle imprese, dal 1° luglio 2017. Si arricchisce anche la previdenza complementare: in aggiunta al contributo previsto, è stato infatti concordato di stipulare una polizza assicurativa in caso di decesso o invalidità permanente del lavoratore ed è stato previsto un contributo a carico dell’azienda pari allo 0,20% del minimo contrattuale conglobato, dal primo luglio 2017, da destinare a un apposto Fondo. Sugli inquadramenti, le parti hanno stabilito una nuova classificazione del personale che verrà introdotta dal 1° gennaio 2017 e che è strettamente legata all’organizzazione del lavoro nel settore legata all’innovazione tecnologica che ha portato nelle aziende nuove professionalità, valorizzate dal nuovo contatto. Soddisfatti i sindacati. Per Stefania Pomante, segretario nazionale della Filctem questo accordo è “una concreta risposta in difesa del reddito dei lavoratori e del welfare contrattuale”, mentre il segretario della Uiltec, Paolo Pirani, lo definisce “uno dei migliori contratti fin qui firmati in riferimento agli altri settori”. Sul piano delle normative i sindacati hanno ottenuto il miglioramento del sistema di relazioni industriali, di informazione e partecipazione, oltre al rafforzamento e all’estensione della contrattazione di 2° livello. È stata con cordata una revisione della disciplina del part-rime, dei contratti a tempo determinato e somministrazione a tempo determinato e del passaggio di mansioni. Oltre a interventi mirati sui permessi per malattia del figlio e di malattie oncologiche.
Il Sole 24 Ore
20 luglio 2016

Nessun commento:

Posta un commento