Elenco blog personale

martedì 19 aprile 2016

19 aprile - La CONTA dei nostri morti, frutto dello sfruttamento. Da Osservatorio BO



Morti sul lavoro nel 2016
17 aprile
SONO 165 I MORTI PER INFORTUNI SUI LUOGHI DI LAVORO. Al 31 marzo 2016 sono stati 120, il 31 marzo del 2015 erano 132 (+ 9,8%) lo stesso giorno del 2008 erano 121 (+0,8%) e questo nonostante si siano persi centinaia di migliaia di posti di lavoro dall’anno d’apertura dell’osservatorio.
Con le morti sulle strade e in itinere si superano i 340 morti complessivi per infortuni tutti i lavoratori e non solo gli assicurati INAIL
Sito Osservatorio http://cadutisullavoro.blogspot.it

16 aprile 2016 Sono otto i lavoratori morti per infortuni sui luoghi di lavoro in 48 ore. Oltre ai due lavoratori morti  nell'estrazione del marmo in una cava in provincia di Massa Carrara con grande risalto mediatico, ci sono altri sei lavoratori a cui i media non danno nessuna notizie. E' così tutti i giorni. Ho più volte scritto che la quasi totalità di giornali, siti e televisioni si occupano dei morti sul lavoro, per un giorno al massimo, quando ci sono morti collettive. ma su tutte le altre morti per regna il silenzio. E' successo anche questa volta. Che dire di Giuseppe D'Elia, sbalzato fuori dal trattore mentre con il suo mezzo andava a lavorare in un campo? Che dire di Giuseppe Busello morto schiacciato dal trattore (già 23 dall'inizio dell'anni senza sentire un intervento del Ministro delle Politiche Agricole, che ha preferito polemizzare con me che denuncio queste morti, e che come il Ministro del lavoro e Presidente del Consiglio vanno solo dove si prendono gli applausi e non fanno mai neppure un twitter su queste tragedie) .Di  E ancora di Ilir Shatrza un albanese di 45 anni morto fulminato in un'azienda di Meste? Di Marcello Mazzi  morto battendo la testa mentre lavorava nei campi? Oppure di Carlo Genna dilaniato da una motozappa e morto dopo 12 giorni d'agonia? E' per questo che domani andrò a votare al Referendum, come tanti che me l'hanno confidato, ci andranno per mandare un segnale fortissimo a questo governo, schierato nettamente dalla parte dei più forti, che ha precarizzato col jobs act la vita di tutti i nuovi assunti. Che si schiera con Marchionne dicendo che è molto meglio dei sindacati (che dove sono presenti le morti sono quasi inesistenti). tra l'altro esaltando uno che ha portato la FIAT e la Ferrari di fatto fuori dall'Italia, che paga le tasse in un altro paese. L'Italia produce in questo momento meno automobili della Romania. No, io non ci sto e come tanti andrò a votare domani, con la speranza di prendere due piccioni con una fava. proteggere l'ambiente e mandare un segnale fortissimo (come fanno tanti) a questo governo. che cominci a occuparsi dei ceti meno abbienti e dei lavoratori. Non con elargizioni (che ci saranno prima del referendum sulla costituzione) ma con politiche concrete di sviluppo e di protezione per i più deboli. destra e sinistra non esistono più? Mavalà come dicono qui a Bologna? Il Governo Renzi conferma che destra e sinistra ci sono. Eccome.

Pubblicato da carlo asoricelli

Nessun commento:

Posta un commento